La Bibbia prova il papato
Maggio 12, 2024
SUPPORT
Copy Link
https://endtimes.video/it/la-bibbia-prova-il-papato/
Copy Embed
vaticanocattolico.com - Canale in italiano

| |

Fratello Pietro Dimond, O.S.B.

C’è qualcosa nell’'Antico Testamento che, se considerato insieme al capitolo 15 degli Atti, dimostra ulteriormente, senza alcun dubbio, che San Pietro è stato il primo Papa.  Non ho mai visto trattare questo punto prima d'ora da nessuno. Ora, prima di considerarlo, bisogna chiarire che esiste una prova schiacciante che Gesù ha fatto di San Pietro il primo Papa, a partire da testi come Matteo 16:18-19 (dove Gesù dà a Simone il nuovo nome di Pietro, che significa roccia, ove dice che costruirà la Sua Chiesa su di lui, affermando che gli darà le chiavi del Regno dei Cieli, e che qualsiasi cosa lui legherà sulla terra sarà legata in Cielo e che qualsiasi cosa scioglierà sulla terra sarà sciolta in Cielo).

Matteo 16:18-19 - "E io ti dico che tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. Ti darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato in cielo e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto in cielo.”

Inoltre vi è anche Luca capitolo 22.  Lì Gesù parla ai Suoi apostoli del Suo Regno, cioè della Chiesa di Dio sulla terra.  In Luca 22:29, Gesù dice: "E io vi assegno, come il Padre mio ha assegnato a me, un regno".  Nel contesto della discussione su questo Regno, su come sarà strutturato e su chi sarà il più grande in esso (vedere Luca 22:24-25), Gesù distingue San Pietro dal resto degli Apostoli.

In Luca 22:31-32 Gesù dice:

"Simone, Simone, ecco, Satana desiderava avervi tutti, per vagliarvi come il grano, ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno. E quando sarai convertito, conferma i tuoi fratelli".

È importante notare che quando Gesù dice qui, Satana desiderava avervi, il voi è al plurale.   Questo è chiaro nel testo originale greco, anche se non è chiaro in molte traduzioni inglesi.  Satana desiderava avere tutti gli apostoli (plurale), dice Gesù; ma Gesù pregò per il solo Simon Pietro (singolare), affinché la sua fede non venisse meno.

Luca 22:31-32 - "Simone, Simone, ecco, Satana desiderava avervi tutti [ὑμας], per vagliarvi come il grano, ma io ho pregato per te [σου], affinché la tua fede [σου] non venga meno. E quando sarai convertito, conferma i tuoi fratelli.”

Secondo Gesù, San Pietro, colui che riceverà le chiavi del Regno dei Cieli, avrà anche una fede infaliibile.  Gesù dice questo solo riguardo a San Pietro e separandolo dagli altri.  Gesù fa questa garanzia su San Pietro nel contesto della discussione su come sarà strutturato il Suo Regno e su chi sarà il più grande in esso.  La promessa della fede infallibile di San Pietro è collegata all'infallibilità dell'ufficio di San Pietro.  Questa promessa è nota come infallibilità papale.

C'è anche Giovanni 21:15-17.  Il capitolo 21 di Giovanni riporta che, dopo la Sua Risurrezione, Gesù apparve a Pietro e ad altri apostoli.  Gesù sceglie nuovamente San Pietro e gli affida tutto il Suo gregge. Gesù dice a San Pietro: "Pasci i miei agnelli", "Bada le mie pecore" "Pasci le mie pecore".  Le pecore sono i cristiani, i membri della Sua Chiesa.

Giovanni 21:15-17 - "Quando ebbero finito di mangiare, Gesù disse a Simon Pietro: 'Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu più di questi?' Egli gli rispose: 'Sì, Signore; tu sai che io ti amo'. Gli disse: Pasci i miei agnelli’.  Gli disse una seconda volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu?" Gli rispose: ‘Sì, Signore; tu sai che ti amo’.  Gli disse: Bada alle mie pecore’.  Gli disse per la terza volta: ‘Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu?’  Pietro fu addolorato perché gli aveva detto per la terza volta: ‘Mi ami tu?’ e gli rispose: ‘Signore, tu sai tutto; sai che ti amo’.  Gesù gli disse: Pasci le mie pecorelle’.”

Vedere Giovanni 10:11 e numerosi altri passaggi.

Giovanni 10:11 - "Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la sua vita per le pecore".

Ciò significa che in Giovanni 21:15-17, Gesù affida il Suo intero gregge a San Pietro e gli comanda di nutrirlo e governarlo. Infatti, in Giovanni 21:16, il secondo dei tre comandi di Gesù a Pietro, Egli usa la parola Ποίμαινε [poimaine].  Ποίμαινε è l'imperativo presente attivo, seconda persona singolare, del verbo ποιμαίνω [poimaino], che significa io faccio da pastore, tengo o governo.  Il verbo ποιμαίνω è ripetutamente usato nel Libro dell'Apocalisse per esprimere l'autorità di Gesù di governare.  Per esempio

Apocalisse 2:27 – “E le governerà [ποιμανει] con una verga di ferro...”

Apocalisse 12:5 - "Partorì un figlio, un figlio maschio, che governerà [ποιμαίνειν] tutte le nazioni con una verga di ferro...”

Gesù usa lo stesso verbo in Giovanni 21:16, quando comanda a San Pietro di curare o governare il gregge, perché San Pietro sarebbe stato il primo Papa.  Pietro riceve un'autorità unica da Cristo per governare e reggere il popolo cristiano.  Tra l'altro, l'autorità promessa da Gesù a San Pietro in Mt. 16:18-19 non gli fu effettivamente conferita fino all'evento registrato in Gv. 21:15-17. Fu dopo la Risurrezione che Pietro ricevette il comando di reggere o governare il gregge.  Fu dopo la Risurrezione, quando Gesù diede a San Pietro l'autorità su tutto il Suo gregge, che egli divenne Papa.  Le parole di Gesù in Mt. 16:18-19 sono promesse su ciò che Egli stabilirà in San Pietro in futuro.  Ecco perché queste promesse sono al tempo futuro: "Su questa pietra edificherò la mia Chiesa... Ti darò le chiavi del regno dei cieli..." ecc.

L'autorità e la posizione unica conferita a San Pietro da Gesù Cristo è chiaramente dimostrata anche dalla singolarità e dal rilievo che  vengono dati a San Pietro nei Vangeli e negli Atti degli Apostoli.  Il nome di San Pietro è menzionato oltre 190 volte nel Nuovo Testamento.  Il più vicino a Gesù fra i 12 apostoli, Giovanni, viene nominato solo 29 volte.  I nomi degli altri 11 apostoli messi insieme sono menzionati solo 130 volte, molto meno di quello di Pietro.   Il nome di Pietro è menzionato 56 volte solo nei capitoli da 1 a 15 degli Atti.  Pietro guida la Chiesa nella sostituzione di Giuda nel capitolo 1 degli Atti; Pietro parla per la Chiesa a Pentecoste nel capitolo 2 degli Atti; Pietro opera la prima guarigione miracolosa nella storia della Chiesa dopo l'Ascensione nel capitolo 3 degli Atti; Pietro risponde per la Chiesa davanti al consiglio del sommo sacerdote nel capitolo 4 degli Atti; Pietro impone la disciplina ad Anania e Saffira nel capitolo 5 degli Atti; nel capitolo 10 degli Atti, al primo convertito gentile viene detto specificamente di trovare Pietro; e molto altro ancora.

C'è anche il modo in cui le Scritture si riferiscono a San Pietro nel contesto degli altri apostoli.  Ogni elenco dei 12 apostoli nel Nuovo Testamento riporta il nome di Pietro per primo e quello di Giuda per ultimo.  Questo è vero anche se l'ordine degli altri apostoli nel mezzo non è sempre esattamente lo stesso.  Nell'elenco di Matteo, Pietro non solo è menzionato per primo, ma è chiamato direttamente primo o capo

Matteo 10:2- "Ora i nomi dei dodici apostoli sono questi; primo [πρωτος], Simone, che è chiamato Pietro...".

La parola greca usata in Matteo 10:2 (πρωτος) significa primo, capo o principale.  Poiché nell'elenco non sono indicati altri numeri - e Pietro non fu il primo a seguire Gesù (lo fu Andrea) - questa dichiarazione non intende assegnare un numero a Simon Pietro.  È per indicare che è il capo, il leader o il principale dei dodici.  Matteo sta letteralmente dicendo: Il capo, Pietro. 

Matteo 10:2-4- "Ora, i nomi dei dodici apostoli sono questi: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello; Filippo, e Bartolomeo; Tommaso, e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Lebbeo, il cui cognome era Taddeo; Simone il Cananeo, e Giuda Iscariota, che lo tradì".

Marco 3:14-19- "E ne ordinò dodici... A Simone diede il nome di Pietro; e Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni, fratello di Giacomo; e li chiamò Boanerges, cioè figli del tuono; Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota...".

Luca 6:14-16 - "Simone (che chiamò anche Pietro), Andrea suo fratello, Giacomo e Giovanni, Filippo e Bartolomeo, Matteo e Tommaso, Giacomo figlio di Alfeo e Simone detto Zelota, Giuda fratello di Giacomo e Giuda Iscariota, che era anche il traditore".

Inoltre, quando Pietro è menzionato per nome, gli altri apostoli sono spesso descritti come quelli con Pietro

Atti 2:37 - "... si sentirono pungere il cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: "Uomini e fratelli, che cosa dobbiamo fare?".

Atti 5:29 - "Allora Pietro e gli altri apostoli risposero e dissero...".

Marco 1:36 - "E Simon [Pietro] e quelli che erano con lui lo seguirono".

Luca 9:32 - "Ma Pietro e quelli che erano con lui erano appesantiti dal sonno...".

Anche l'angelo, dopo la Risurrezione, fa questo.

Marco 16:7 - "Ma andate per la vostra strada, dite ai suoi discepoli e a Pietro che egli vi precede in Galilea...".

Le Scritture individuano ripetutamente San Pietro e lo distinguono dagli altri Apostoli, perché era il comandante, il primo Papa.  Consideriamo ora un'ulteriore prova sorprendente di questo fatto negli Atti degli Apostoli. 

Per comprendere questo punto, bisogna sapere che, secondo il Nuovo Testamento, Gesù siederà sul trono di Davide ed erediterà il suo regno.  Dio ha stretto un'alleanza con Davide per stabilire un regno.  La monarchia davidica, il Regno di Dio sulla Terra nell'Antico Testamento, doveva essere un prototipo del Regno di Dio che Gesù Cristo avrebbe instaurato.  Ecco perché Gesù viene chiamato figlio di Davide nei Vangeli.  È anche il motivo per cui il Vangelo di Matteo ha il Regno come uno dei suoi temi principali.  Ed è anche il motivo per cui San Pietro stesso dice in Atti 2:30 che Gesù siede sul trono di Davide

Atti 2:30-32 - "[Davide] Essendo dunque un profeta e sapendo che Dio gli aveva giurato che avrebbe posto sul suo trono uno dei suoi discendenti, predisse e parlò della risurrezione del Cristo, che non fu abbandonato nell'Ade, né la sua carne vide la corruzione.  Questo Gesù Dio lo ha risuscitato, e di questo noi tutti siamo testimoni".

È per questo che Luca 1:32 dice quanto segue di Gesù: 

"... e il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre...".

Gesù siede sul trono di Davide.  Ma il Regno di Gesù è spirituale; il Suo Regno è la Sua Chiesa.  Il Suo Regno non solo adempie, ma supera il prototipo, il Regno di Davide.  Il punto qui è che il Regno di Gesù, la Sua Chiesa, è modellato sul regno di Davide e sull'Israele dell'Antico Testamento.  Lo si tenga a mente.  Per esempio, i ministri reali che formavano il gabinetto reale nella monarchia davidica, così come le 12 tribù di Israele, prefiguravano i 12 apostoli di Gesù.

Ora, nel capitolo 15 degli Atti leggiamo del Concilio di Gerusalemme.  Si trattò di una riunione monumentale della ἐκκλησία, la Chiesa, riguardante la circoncisione e il modo in cui gestire i convertiti al Vangelo in futuroLa riunione trattava quindi di come il Regno della Nuova Alleanza di Dio, la Sua Chiesa, avrebbe operato e come sarebbe stato costruito o ampliato in futuro.

In Atti 15:6 leggiamo che

"Gli apostoli e gli anziani si riunirono per esaminare la questione". 

Quindi, i capi della Chiesa erano presenti a questo incontro cruciale a Gerusalemme.  Ora, se torniamo all'Antico Testamento - e in particolare a 1 Cronache capitolo 28 o 1 Paralipomeni capitolo 28 - leggiamo di un altro concilio.  Questo concilio si svolse durante il regno del re Davide.  Anche questo concilio si tenne a Gerusalemme.

E proprio come i capi, gli apostoli e gli anziani, erano presenti per il Concilio degli Atti 15 a Gerusalemme, in 1 Cronache 28:1 leggiamo che "tutti i capi d'Israele" erano riuniti per il Consiglio dell'Antico Testamento a Gerusalemme. 

1 Cronache 28:1- "Tutti i capi d'Israele" erano "riuniti a Gerusalemme".

Inoltre, il Consiglio di Gerusalemme registrato in 1 Cronache 28 si riunì per discutere su come costruire il tempio o la casa di Dio.

"... il progetto del vestibolo del tempio, delle sue case, dei suoi tesori, delle sue camere superiori, delle sue camere interne e della stanza del seggio della misericordia; e il progetto di tutto ciò che aveva in mente per i cortili della casa dell'Eterno, di tutte le camere circostanti, dei tesori della casa di Dio e dei tesori dei doni dedicati". - 1 Cronache 28:11-12

Il tempio o casa di Dio nell'Antico Testamento era un tipo della Chiesa del Nuovo Testamento.  Si veda, ad esempio, 2 Corinzi 6:16: "Che accordo ha il tempio di Dio con gli idoli?  Perché noi siamo il tempio del Dio vivente".  Si veda anche Ebrei 3:6, 1 Pietro 2:5 e altri passi per il collegamento tra il tempio di Dio dell'Antico Testamento e la Chiesa di Dio del Nuovo Testamento.  Poiché il Consiglio di 1 Cronache 28 a Gerusalemme si riunì per discutere come sarebbe stato costruito il tempio di Dio dell'Antico Testamento, tale riunione era quindi un tipo o un simbolo preciso del futuro Concilio di Atti, capitolo 15, che si riunì allo stesso modo per discutere come il tempio di Dio, cioè la Chiesa del Nuovo Testamento, sarebbe stato costruito o ampliato in futuro. 

"... giunsero a Gerusalemme... Gli apostoli e gli anziani erano riuniti...". - Atti 15:4-6

Infatti, in Atti 15:16, durante il Concilio del Nuovo Testamento di Gerusalemme, c'è un riferimento diretto a una profezia in Amos 9:11 sulla ricostruzione del tabernacolo di Davide. 

"Dopo questo ritornerò e ricostruirò il tabernacolo di Davide che è caduto; ricostruirò le sue rovine e lo restaurerò". - Atti 15:16

Il tabernacolo di Davide era la tenda in cui era custodita l'Arca dell'Alleanza prima della costruzione del tempio.  Era quindi un precursore del tempio/casa di Dio e lo rappresentava.

Il messaggio in Atti 15:16 è che con l'incorporazione dei Gentili nella Chiesa - questione discussa in modo specifico durante il Concilio - si stava adempiendo la profezia sulla ricostruzione del tabernacolo di Davide, la casa di Dio.  Quindi, il Consiglio di 1 Cronache 28 a Gerusalemme, che si riunì per discutere come costruire il tempio di Dio, era sicuramente un tipo del Concilio di Atti 15 a Gerusalemme, che si riunì per discutere come costruire il tempio o la Chiesa di Dio.

1 Cronache 28:1 - "Tutti i capi d'Israele" erano "riuniti a Gerusalemme".

Atti 15:4-6 - "... giunsero a Gerusalemme... Gli apostoli e gli anziani erano riuniti..."

Dopo aver spiegato l'ovvio parallelo tra i due concili di Gerusalemme, si consideri quanto segue.  In 1 Cronache 28:2, leggiamo che:

"Davide si alzò in mezzo all'assemblea...".

In questo concilio a Gerusalemme, che riguardava le modalità di costruzione del tempio di Dio e che prefigurava chiaramente il concilio di Atti 15 a Gerusalemme, colui che la Scrittura descrive e identifica come colui che si alza in piedi in mezzo all'assemblea è il Re. Colui che si alza in mezzo agli altri per rivolgersi a loro è colui che ha l'autorità suprema su Israele.

In Atti 15:7, durante il Concilio del Nuovo Testamento a Gerusalemme, che avrebbe determinato anche come il tempio di Dio (la Sua Chiesa del Nuovo Testamento) sarebbe stato costruito o ampliato, leggiamo questo:

"E dopo aver discusso a lungo, Pietro si alzò e si rivolse a loro...".

Le Scritture descrivono e identificano Pietro come in piedi al Concilio degli Atti 15 a Gerusalemme, proprio come descrivono e identificano il Re Davide come in piedi al Concsiglio di 1 Cronache 28 a Gerusalemme, perché Pietro, come leader della Chiesa e primo Papa, aveva l'autorità suprema sul Nuovo Israele, la Chiesa, proprio come il Re Davide aveva l'autorità suprema sull'Israele dell'Antico Testamento.

E se non si è ancora convinti del parallelo, continuate ad ascoltare.  Proseguendo il suo discorso, in 1 Cronache 28:4, leggiamo che Davide dice questo:

"Eppure il Signore Dio d'Israele mi ha scelto tra tutta la casa di mio padre per essere re su Israele per sempre...".

Il re Davide si presenta al consiglio di Gerusalemme - il consiglio che riguardava come costruire il tempio di Dio - e dice che il Signore Dio "mi ha scelto". 

In Atti 15:7, durante il Concilio del Nuovo Testamento a Gerusalemme - il Concilio che riguardava il modo di costruire la Chiesa di Dio - leggiamo che Pietro dice questo: 

Atti 15:7 - "E dopo aver discusso a lungo, Pietro si alzò e disse loro: 'Fratelli, voi sapete che nei primi tempi Dio ha scelto tra voi, affinché per bocca mia i Gentili ascoltassero la parola del Vangelo e credessero'".

Il parallelo è sorprendente e chiaro.  La parola ispirata di Dio descrive Pietro al Concilio di Gerusalemme in Atti 15 allo stesso modo in cui descrive il re Davide al Concilio di Gerusalemme in 1 Cronache 28. Davide si alza in mezzo agli altri e dice che tra tutta la casa di suo padre Dio ha scelto lui.  Allo stesso modo, Pietro si alza in mezzo agli altri e dice che tra tutti gli apostoli, gli anziani e i rappresentanti della Chiesa, Dio ha scelto la bocca sua.  È anche interessante che nella traduzione greca di 1 Cronache 28:2, la parola che indica l'assemblea in cui Davide si alzò, parlò e dichiarò che Dio lo aveva scelto è ἐκκλησία .  Questa è la parola greca che significa Chiesa.  È la parola ripetutamente usata in Atti 15 per descrivere l'assemblea o la Chiesa in cui Pietro si alzò, parlò e dichiarò che Dio lo aveva scelto.  Sia Davide che Pietro si alzarono in mezzo alla Chiesa o ἐκκλησία e dichiararono che Dio li aveva scelti.

1 Cronache 28:4 - "Eppure il Signore Dio d'Israele mi ha scelto tra tutta la casa di mio padre per essere re su Israele per sempre..."

Atti 15:7 - “E dopo aver discusso a lungo, Pietro si alzò e disse loro: "Fratelli, voi sapete che nei primi tempi Dio ha scelto tra voi, affinché per bocca mia i Gentili ascoltassero la parola del Vangelo e credessero".

Pietro dice e fa ciò che Davide dice e fa proprio perché Pietro ha l'autorità suprema sulla Chiesa della Nuova Alleanza, proprio come il re Davide aveva l'autorità suprema su Israele.  La Chiesa è l'Israele di Dio (vedere Galati 6:16).  Le parole della Septuaginta o LXX determinano ulteriormente questo fatto.  La Septuaginta o LXX [elleixix] è la traduzione greca dell'Antico Testamento.  È la versione dell'Antico Testamento più frequentemente citata dagli scrittori ispirati del Nuovo Testamento.  In 1 Cronache 28:4 nella Septuaginta, quando il Re Davide dice che Dio lo ha scelto, la parola per scegliere è ἐξελέξατο [ex-elexato].  Questo è l' indicativo aoristo medio, terza persona singolare del verbo greco ἐκλέγω , che significa scelgo, preferisco o eleggo.  Ebbene, in Atti 15:7, quando Pietro si alza e dice che Dio ha scelto la sua bocca, la parola per scegliere non solo proviene dallo stesso verbo, ma è la stessa parola che troviamo in 1 Cronache 28:4: ἐξελέξατο .

1 Cronache 28:4 - "Tuttavia, il Signore Dio d'Israele scelse [ἐξελέξατο] me tra tutta la casa di mio padre per essere re su Israele per sempre."

Atti 15:7 – “E dopo aver discusso molto, Pietro si alzò e disse loro: "Fratelli, voi sapete che nei primi tempi Dio ha scelto[ἐξελέξατο] in mezzo a voi, affinché per bocca mia i Gentili ascoltassero la parola del Vangelo e credessero.”

Il testo ispirato delle Scritture ci offre questo sorprendente parallelo tra i due consigli di Gerusalemme, e le parole e le azioni dei rispettivi leader, per confermare ulteriormente che Dio ha scelto Pietro per avere l'autorità suprema sul Nuovo Israele, la Chiesa, proprio come Dio ha scelto il Re Davide per avere l'autorità suprema sull'Israele dell'Antico Testamento.  E proprio come la carica di Re Davide aveva dei successori, anche la carica di San Pietro ha dei successori.  Infatti, in 1 Cronache 28, il Re Davide continua a menzionare che, sebbene Dio abbia scelto lui per essere re su Israele, sarebbe stato il suo successore, il Re Salomone, a costruire il tempio di Dio.  In 1 Cronache 29:1, il re Davide descrive anche il suo successore, Salomone, come colui "che solo Dio ha scelto".   Questo indica ulteriormente che Dio sceglie solo una persona per essere re e che il re ha dei successori in questa carica unica.

Allo stesso modo, Dio scelse Pietro come roccia e fondamento della Chiesa, colui che aveva le chiavi del Regno dei Cieli, ma i suoi successori, i futuri papi, avrebbero completato l'espansione o la crescita del tempio di Dio, la Chiesa, mentre nuovi convertiti continuavano ad entrare nel Corpo di Cristo nel corso della storia.  L'autorità di San Pietro al Concilio di Gerusalemme è evidente anche dal fatto che, prima del suo discorso, ci furono molti dibattiti. 

"E dopo aver discusso a lungo, Pietro si alzò...". 

Ma non appena Pietro termina il suo discorso in Atti 15:11, il versetto successivo dice:

"Allora tutta la folla tacque e diede udienza a Barnaba e a Paolo...". 

Si noti che il testo ispirato delle Scritture menziona il silenzio subito dopo la fine delle parole di Pietro.  La Scrittura insegna quindi che il dibattito era in corso prima del discorso di Pietro, ma che si concluse non appena la posizione di Pietro fu articolata e il suo discorso terminò.  Barnaba, Paolo e Giacomo procedettero poi a rivolgersi alla Chiesa, dopo che Pietro aveva già definito la verità dottrinale centrale e il principio che sarebbe durato nei secoli: cioè che i gentili convertiti a Cristo non hanno bisogno di essere gravati dal giogo della circoncisione e da tutti i requisiti dell'Antica Legge. 

Pietro disse:

Atti 15:9-11 - "... e non fece distinzione tra noi e loro, avendo purificato i loro cuori mediante la fede.  Ora, dunque, perché mettete Dio alla prova ponendo sul collo dei discepoli un giogo che né i nostri padri né noi abbiamo potuto portare?  Ma noi crediamo che saremo salvati per la grazia del Signore Gesù, proprio come loro".

Mentre San Pietro era il leader della Chiesa universale, l'antico storico della Chiesa Eusebio ci dice che Giacomo fu posto come vescovo della Chiesa locale di Gerusalemme.

Inoltre, va notato che, ad eccezione della proibizione dell'immoralità sessuale o della fornicazione, che è ovviamente precetto di legge divina e viene ripetuto in molti luoghi del Nuovo Testamento, la proposta fatta da Giacomo al Concilio di Gerusalemme, affinché i convertiti gentili si astengano dal cibo sacrificato agli idoli, dal sangue e da ciò che è stato strangolato, che gli apostoli decisero di adottare, era una raccomandazione che riguardava la disciplina della Chiesa, non un dogma.

Atti 15:28-29 - "Perché è parso bene allo Spirito Santo e a noi di non imporvi un peso maggiore di queste prescrizioni: che vi asteniate da ciò che è stato sacrificato agli idoli, dal sangue, da ciò che è stato strangolato e dall'immoralità sessuale".

Si trattava di una misura disciplinare adottata dalla Chiesa per quel particolare periodo apostolico, in cui si stava formando un'unica Chiesa di Cristo, composta da coloro che avevano osservato l'Antica Legge e dai Gentili che non l'avevano osservata.  Vedere 1 Corinzi capitolo 8, 1 Corinzi 10:25-29 e la bolla dogmatica Cantate Domino del Concilio Cattolico di Firenze per dimostrare che la prescrizione di Atti 15:29 di non consumare quei particolari cibi era una misura disciplinare temporanea, non un insegnamento dogmatico o una legge indissolubilmente legata alla fede di Cristo.  Tale prescrizione ha cessato di essere vincolante e applicabile dopo il periodo apostolico.

Concilio di Firenze, Cantate Domino, 1441: "La Chiesa crede fermamente, confessa e annuncia che tutto ciò che è stato creato da Dio è buono, ‘e nulla è da scartarsi, quando lo si prende con rendimento di grazie' [1 Tim. 4:4], poiché, secondo l’espressione del Signore [Mt. 15:11], 'non quello che entra nella bocca rende l'uomo impuro' [MT 15,11]; e afferma che quella distinzione della legge mosaica tra cibi puri e impuri riguarda le prescrizioni per le cerimonie, superate e annullate con l’annuncio dell’evangelo. Anche il comando degli apostoli di astenersi dalle ‘carni offerte agli idoli, dal sangue e dagli animali soffocati' [At 15:29] era adatta a quel tempo in cui dai giudei e dai gentili, che prima vivevano secondo cerimonie e costumi diversi, sorgeva una sola chiesa. Conveniva perciò che i giudei e i gentili avessero osservanze in comune e l’occasione di trovarsi d’accordo in un solo culto e in una sola fede in Dio, eliminando la materia di dissenso, in quanto ai giudei per antica tradizione il sangue e gli animali soffocati sembravano cose abominevoli e potevano pensare che i gentili tornassero all’idolatria col mangiare cose immolate. Ma quando la religione cristiana si fu così diffusa da non esservi più in essa alcun Giudeo secondo la carne, ma anzi, col passaggio alla Chiesa, tutti condividevano gli stessi riti proposti dal vangelo, persuasi che 'tutto è puro per i puri' [Tt 1, 15], essendo cessata la ragione di quella proibizione, ne cessò anche l’effetto.  La Chiesa dichiara, quindi, che nessuno dei cibi che la società umana ammette deve essere condannato, e che nessuno, uomo o donna che sia, deve far differenza tra gli animali, in qualunque modo uccisi; tuttavia per la salute del corpo, l’esercizio della virtù, per la disciplina imposta dalla regola o dalle norme ecclesiastiche, molte cose, anche se nono vietate, possono o debbono essere tralasciate. Secondo l’apostolo infatti, 'tutto è lecito, ma non tutto è utile' [1 Cor. 6:12; 10:22]".

Quindi, ciò che Giacomo discusse e raccomandò al Concilio di Gerusalemme fu una misura disciplinare.  Tuttavia, ciò che San Pietro dichiarò fu la verità dogmatica, che sarebbe rimasta in vigore per tutta la storia della Chiesa - cioè che i convertiti gentili alla Chiesa di Cristo non hanno bisogno di osservare la circoncisione e il resto dell'Antica Legge.  Questo principio dogmatico avrebbe definito tutte le future generazioni di cristiani e avrebbe determinato il modo in cui la Chiesa sarebbe stata costruita o ampliata nel corso dei secoli.  Ecco perché ciò fu proclamato da San Pietro, il capo della Chiesa - colui che si alzò per primo in mezzo all'assemblea e le cui parole misero a tacere il dibattito.  L'autorità di San Pietro sulla Chiesa è anche il motivo per cui al primo convertito fra i gentili, Cornelio, fu detto specificamente di trovare San Pietro, il capo della Chiesa.

Atti 10:3-6 - "... "Cornelio".  Ed egli lo fissò con terrore e gli disse: 'Che cosa c'è, Signore? Ed Egli gli disse: 'Le tue preghiere e le tue elemosine sono salite come memoriale davanti a Dio.  E ora manda degli uomini a Giaffa e fa venire un certo Simone che si chiama Pietro.  Egli alloggia presso un certo Simone, un conciatore, la cui casa è presso il mare".

È anche il motivo per cui la profonda visione (registrata in Atti 10:10-16) che indicava la fine delle restrizioni dell'Antica Legge sui cibi impuri - la visione che avrebbe plasmato tutta la storia futura della Chiesa - fu data solo a San Pietro. 

Atti 10:10-16 - "Ed egli [Pietro] ebbe fame e volle mangiare qualcosa, ma mentre glielo preparavano, fu rapito in estasi e vide i cieli aprirsi e qualcosa di simile a un grande lenzuolo che scendeva, lasciato scendere dai suoi quattro angoli sulla terra.  In esso c'erano animali di ogni genere, rettili e uccelli del cielo.  E gli giunse una voce: "Alzati, Pietro; uccidi e mangia".  Ma Pietro disse: "No, Signore, perché non ho mai mangiato nulla di profano o di impuro".  E la voce gli rispose una seconda volta: "Ciò che Dio ha reso puro, non chiamarlo profano".  Questo accadde tre volte, e la cosa fu portata subito in cielo".

Dio comunicò la regola dogmatica che voleva che il resto della Chiesa seguisse al capo della Chiesa, San Pietro, in modo che una volta che il capo della Chiesa avesse reso nota la verità su quella questione, il resto della Chiesa sotto la sua autorità l'avrebbe accettata.

È anche degno di nota che quando Giacomo inizia a parlare, fa riferimento a ciò che Simon Pietro ha già detto. 

Atti 15:14 - "Simone ha raccontato come Dio visitò per la prima volta i Gentili...".

Giacomo si rifà al discorso di San Pietro all'inizio del suo discorso; tuttavia, quando Pietro iniziò a parlare, non fece riferimento a nessun altro uomo.  Ha semplicemente menzionato il modo in cui Dio ha scelto lui.

1 Cronache 28:4 - "Tuttavia, il Signore Dio d'Israele scelse [ἐξελέξατο] me tra tutta la casa di mio padre per essere re su Israele per sempre..."

Atti 15:7 – “E dopo aver discusso molto, Pietro si alzò e disse loro: ‘Fratelli, voi sapete che nei primi tempi Dio ha scelto [ἐξελέξατο] in mezzo a voi, affinché per bocca mia i Gentili ascoltassero la parola del Vangelo e credessero.’”

Il significato di questi fatti, che dimostrano chiaramente il Papato, dovrebbe essere ancora più evidente quando ricordiamo che Gesù siede sul trono di Davide.  Gesù è il Re, vero Dio e vero uomo.  È il fondatore della Chiesa e il successore finale del trono di Davide; ma dà la Sua autorità, le chiavi del Regno e l'incarico di governare il Suo gregge, a San Pietro.  Quindi, la carica di San Pietro è quella di primo ministro o vicario di Gesù, se consideriamo che Gesù è il Re; tuttavia, quando Gesù lascia il mondo e ascende al Cielo, dà l'autorità sulla Chiesa a San Pietro, e Pietro di conseguenza occupa il posto del Re.  Ecco perché la posizione di Pietro nelle Scritture è parallela sia alla posizione di primo ministro sotto i re dell'Antico Testamento, sia alla posizione del re Davide stesso, come abbiamo appena visto.  Nella monarchia davidica non c'era solo un re che governava tutto il popolo, ma il re aveva un gabinetto reale.  Il gabinetto reale di Gesù, che fa un parallelo con le 12 tribù di Israele e il gabinetto reale nella monarchia davidica, è costituito dai dodici apostoli. Tuttavia, tra tutti i ministri del re nella monarchia davidica, c'era un ministro che si distingueva con autorità rispetto agli altri.  Si trattava del primo ministro, che sovrintendeva alla casa del re.  Nel capitolo 22 di Isaia leggiamo che il primo ministro aveva la chiave della casa di Davide

Isaia 22:20-22- "In quel giorno chiamerò il mio servo Eliakim, figlio di Chelkia, lo rivestirò della tua veste [di Sebna], gli legherò la tua cintura e affiderò il tuo governo nelle sue mani. Sarà un padre per gli abitanti di Gerusalemme e per la casa di GiudaE metterò sulla sua spalla la chiave della casa di Davide.  Egli aprirà e nessuno chiuderà; egli chiuderà e nessuno aprirà".

Questo passo ci informa che il primo ministro del Re aveva la chiave della casa.  Questo significava l'autorità sulla casa del Re.  Il primo ministro aveva anche dei successori.  Il primo ministro aveva il potere di aprire affinché nessuno chiudesse e di chiudere affinché nessuno aprisse. 

Isaia 22:20-22 - "In quel giorno chiamerò il mio servo Eliakim, figlio di Chelkia, lo rivestirò con la tua veste [di Scebna], gli legherò la tua cintura e affiderò il tuo governo nelle sue mani. Sarà un padre per gli abitanti di Gerusalemme e per la casa di GiudaE metterò sulla sua spalla la chiave della casa di Davide.  Egli aprirà e nessuno chiuderà; e egli chiuderà e nessuno aprirà.”

Matteo 16:18-19 - "E io ti dico che tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. Ti darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato in cielo e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto in cielo".

Il parallelo con Matteo 16:18-19, dove Gesù dice che San Pietro riceverà le chiavi del Regno e che tutto ciò che legherà sulla Terra sarà legato in Cielo e tutto ciò che scioglierà sulla Terra sarà sciolto in Cielo, è inequivocabile.

Gesù stabilì che San Pietro e i suoi successori fossero i Suoi primi ministri e quando Gesù lasciò il mondo, dopo aver affidato il gregge a San Pietro, Pietro si presentò come rappresentante di Gesù e al Suo posto come leader e governatore della Chiesa. Ecco perché la posizione di Pietro in tutti gli Atti degli Apostoli è quella di capo della Chiesa e perché il suo ruolo al Concilio di Gerusalemme è parallelo alla posizione di Re Davide.

Come questi fatti dimostrano a chiunque sia di buona volontà, i protestanti e gli altri non cattolici che rifiutano il Papato si sbagliano.  La loro posizione è senza dubbio falsa.  Non hanno la vera fede cristiana.  Quando negano il Papato, negano l'ufficio e la posizione stabiliti da Gesù Cristo stesso.  Quando lo attaccano, attaccano ciò che Dio stesso ha istituito.  Se non si umiliano, non accettano la verità che è così chiaramente dimostrata da questi fatti e non si convertono alla fede cattolica tradizionale, l'unica vera fede cristiana al di fuori della quale non c'è salvezza, saranno definitivamente perduti.

SHOW MORE



1:00:35
Maria senza peccato: un documentario biblico
1 anno fa
24:53
La nuova religione del Vaticano II (prova visiva)
2 anni fa
38:12
I motivi per cui Madre Teresa non era una santa
4 mesi fa
3:29
Matteo 18 dimostra anche che Pietro fu il primo papa
5 mesi fa
37:34
Sorprendente Evidenza per Dio – Evidenza Scientifica per Dio
8 anni fa
21:06
“L’ortodossia” orientale: il suo difetto fatale su vescovi e concili ecumenici
2 anni fa
47:12
L’Anticristo rivelato: la bestia che era stata e non era è tornata
6 anni fa
35:09
Un uomo viene colpito con arma da fuoco e vede l’Inferno – Video sconvolgente che deve essere visto
2 mesi fa
5:28
Perché l’inferno deve essere eterno (nuova edizione)
9 mesi fa
8:42
Perché così tanti non possono credere
3 anni fa
9:56
La chiave per comprendere Giovanni 3:16
7 mesi fa
11:06
L’agonia di Gesù Cristo nel giardino del Getsemani
3 anni fa
29:19
Un messaggio profetico contro le “benedizioni” omosessuali di Francesco
3 mesi fa
22:24
Grandi testi di prova per il sedevacantismo mostrano che Francesco non è il Papa
2 anni fa
14:49
La bestemmia di Giovanni Paolo II contro lo Spirito Santo e le sue vittime spirituali
9 mesi fa