La bestemmia di Giovanni Paolo II contro lo Spirito Santo e le sue vittime spirituali
Settembre 16, 2023
SUPPORT
Copy Link
https://endtimes.video/it/la-bestemmia-di-giovanni-paolo-ii-contro-lo-spirito-santo/
Copy Embed
vaticanocattolico.com - Canale in italiano

| |

Fratello Pietro Dimond, O.S.B.

Nel numero 6 della sua prima enciclica, Redemptor Hominis, Giovanni Paolo II ha affermato quanto segue:

Giovanni Paolo II, Redemptor Hominis (#6), 4 marzo 1979:
Non capita a volte che la ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane - che anch'essa proviene dallo Spirito di Verità che opera al di fuori dei confini visibili del Corpo Mistico - possa far vergognare i cristiani di essere spesso essi stessi così disposti a dubitare delle verità rivelate da Dio…”

Si tratta di un'eresia e di una blasfemia sbalorditiva.  Giovanni Paolo II ha insegnato che la ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane deriva dallo Spirito Santo.  E nel caso in cui qualcuno voglia sollevare la questione della traduzione, citiamo la traduzione del Vaticano di questo passaggio.   

Giovanni Paolo II, Redemptor Hominis #6, 4 marzo 1979, vatican.va:
"Non avviene forse talvolta che la ferma credenza dei seguaci delle religioni non cristiane - effetto anche essa dello Spirito di verità, operante oltre i confini visibili del Corpo Mistico - possa quasi confondere i cristiani, spesso così disposti a dubitare, invece, nelle verità rivelate da Dio.".

Come chiunque può vedere, l'eresia è evidente.  Giovanni Paolo II sta falsamente insegnando che la fede nelle religioni non cristiane proviene dallo Spirito di Verità - quando in realtà proviene dallo spirito della menzogna, il diavolo. Diamo ora una rapida occhiata al testo latino, in cui è evidente l'eresia e la blasfemia di Giovanni Paolo II.

Nonne interdum firma persuasio non christianas religiones profitentium - quae et ipsa procedit a Spiritu veritatis, extra fines aspectabiles Corporis mystici operante - forsitan confundat Christianos, ad dubitandum de veritatibus a Deo revelatis et ab Ecclesia nuntiatis saepe tam proclives ac tam pronos ad infirmanda principia doctrinae moralis et ad aperiendam viam licentiae cuncta in re ethica permittendi?

  • Nel testo latino, Giovanni Paolo II fa riferimento alla firma persuasio - che significa ferma convinzione... ferma persuasione... o ferma credenza.   Utilizza anche profitentium, un genitivo participio presente che significa di coloro che professano. Quindi, si riferisce alla ferma credenza o convinzione di coloro che professano. 
  • L'oggetto del profitentium in questo passaggio sono le non christianas religiones, cioè le religioni non cristiane. Quindi, si riferisce alla ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane. 
  • Poi usa il pronome relativo quae, che significa la quale. Quae concorda nel contesto con firma persuasio, così come il pronome intensivo ipsa (che significa essa stessa). Quindi, quae et ipsa procedit significa, che anche lei stessa procede.
  • Quindi la ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane da chi proviene, secondo Giovanni Paolo II? Secondo lui, procede a Spiritu Veritatis - cioè dallo Spirito di Verità

Si tratta di un'eresia totale e di una bestemmia contro lo Spirito Santo.   Lo Spirito di Verità non può essere autore di errori e non porta le persone a credere in una falsa religione... in false dottrine... o in un falso dio. Tutte le religioni non cristiane sono false e i loro “dèi'” sono diavoli, secondo il Salmo 95:5 e 1 Cor. 10:20.  

Salmo 95:5 - "Tutti gli dei dei pagani sono diavoli..."

1 Cronache 16:26 - "Perché tutti gli dèi delle nazioni sono idoli; il Signore ha fatto i cieli".

1 Corinzi 10:20 - "Ma le cose che i pagani sacrificano, le sacrificano ai diavoli e non a Dio.  E non vorrei che foste resi partecipi dei diavoli".

Alcuni potrebbero sollevare la debole obiezione che Giovanni Paolo II si è riferito solo alla fede ferma in aspetti delle religioni non cristiane in cui viene sostenuta la legge naturale.  Si tratta ovviamente di un'assurdità senza fondamento. Giovanni Paolo II non dice questo.  Si riferisce alla ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane.

Una ferma convinzione in una religione non cristiana include ovviamente la convinzione della persona sulla falsa divinità o sulle false divinità - e le dottrine fondamentali di quella religione non cristiana.  In effetti, il fermo impegno di una persona nei confronti di una religione non cristiana deriva dalla sua fede nelle affermazioni più importanti di quella religione, come il 'dio' che essa venera.  Il 'credo' di quella persona in quella religione è inestricabilmente legato alle false dottrine e all'idolatria di quella falsa religione. 

Giovanni Paolo Il, il bestemmiatore, insegna che lo Spirito Santo ispira la fede in falsi dei e false dottrine. 

Nonne interdum firma persuasio non christianas religiones profitentium - quae et ipsa procedit a Spiritu veritatis, extra fines aspectabiles Corporis mystici operante - forsitan confundat Christianos, ad dubitandum de veritatibus a Deo revelatis et ab Ecclesia nuntiatis saepe tam proclives ac tam pronos ad infirmanda principia doctrinae moralis et ad aperiendam viam licentiae cuncta in re ethica permittendi?

  • In questo contesto, Giovanni Paolo II utilizza anche Operante, un participio presente ablativo nella forma maschile singolare, che significa operante o lavorante.
  • Operante concorda nel contesto con Spiritu, un sostantivo maschile singolare nel caso ablativo

Quindi, Giovanni Paolo II insegna direttamente che la ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane deriva dallo Spirito di Verità che opera.  Questa è un'eresia chiara e indifendibile.  È un'ulteriore prova che Giovanni Paolo II era un antipapa non cattolico manifestamente eretico. 

Non dovremmo avere bisogno di citare l'insegnamento cattolico per confutare la sua eresia.  La falsità dell'affermazione di Giovanni Paolo II dovrebbe essere evidente. 

Tuttavia, si consideri che nel Secondo Concilio di Orange del 529 sulla grazia, fu insegnato che gli uomini hanno bisogno dell'illuminazione e dell'ispirazione dello Spirito Santo per accettare la verità relativa alla salvezza eterna - e quindi per credere fermamente nella vera fede.  

Secondo Consiglio di Orange, 529, Can. 7:
"Se qualcuno afferma che per la forza della natura si possa pensare come conviene o scegliere qualche bene attinente alla salute della vita eterna, oppure si possa acconsentire alla predicazione salutare, cioè evangelica, senza l’illuminazione e l’ispirazione dello Spirito Santo... è tratto in errore dallo spirito eretico".

Quindi, la ferma fede nella vera fede deriva da un'ispirazione dello Spirito Santo.  Giovanni Paolo II, tuttavia, ha insegnato che l'ispirazione dello Spirito Santo viene data ai non cristiani affinché credano fermamente nelle religioni non cristiane e nei falsi dei.  È un'eresia - e una bestemmia! 

Come dichiarò Papa Leone XIII nella sua enciclica Providentissimus Deus del 1893, a proposito dell'ispirazione dello Spirito Santo:

Papa Leone XIII, Providentissimus Deus (#20), 1893:
“…ed è perciò tanto impossibile che la divina ispirazione possa contenere alcun errore, che essa, per sua natura, non solo esclude anche il minimo errore, ma lo esclude e rigetta così necessariamente, come necessariamente Dio, somma verità, non può essere nel modo più assoluto autore di alcun errore. Tale è l'antica e costante fede della chiesa…”

Considerate anche quanto Giovanni Paolo II sia stato specifico nell'esporre la sua blasfemia. Come già detto, usa quae et ipsa - che significa la quale anche lei stessa. Utilizza il pronome intensivo ipsa per mettere a verbale la sua oltraggiosa blasfemia.

Allo stesso modo, non si riferisce semplicemente a una sorta di sentimento positivo nei confronti di una religione non cristiana come se provenisse dallo Spirito di Verità - il che sarebbe un'affermazione orribile di per sé.  Ma si riferisce in modo molto specifico alla ferma convinzione di coloro che professano religioni non cristiane.  È come se con diabolica malizia volesse insegnare la sua eresia in modo molto specifico, in modo che coloro che lo onorano in seguito possano essere condannati per averlo fatto. Questo è coerente con il suo modus operandi.  Voleva prendere in giro lo Spirito Santo.  Questo era il suo intero punto.

Il 4 febbraio 2019, Antipapa Francesco ha fatto scalpore ed è stato giustamente criticato per aver insegnato un'eresia simile in una dichiarazione congiunta con un Imam.  Nella dichiarazione, Francesco e l'Imam hanno affermato che la diversità delle religioni è voluta da Dio. 

Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, 4 febbraio 2019:
Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani”.

La dichiarazione di Francesco era ovviamente un'eresia ed equivaleva all'apostasia.  Non stava semplicemente insegnando che Dio tollera una diversità di religioni, ma che Dio vuole positivamente una diversità di religioni - dato che nella stessa frase Francesco ha fatto riferimento a come Dio vuole sessi diversi.

Ebbene, come abbiamo appena visto, Antipapa Giovanni Paolo II aveva già insegnato ufficialmente lo stesso tipo di eresia nella sua prima enciclica.  Eppure, innumerevoli falsi tradizionalisti ingannati pensano che Francesco sia orribile - e su questo hanno ragione - ma pensano che Giovanni Paolo II sia un 'santo'. Questo è un aspetto chiave dell'inganno dei tempi finali e dell'onore dato all'immagine della Bestia.

Apocalisse 13:14 - “... inganna il mio popolo che abita sulla terra, dicendo a quelli che abitano sulla terra di fare un'immagine per la bestia che è stata ferita dalla spada eppure è vissuta".

È anche degno di nota che nella stessa sezione della sua enciclica eretica, Redemptor Hominis, Giovanni Paolo II insegna che l'avvicinamento ai rappresentanti delle religioni non cristiane deve essere applicato attraverso attività come la preghiera in comune.

Giovanni Paolo II, Redemptor Hominis (#6), 4 marzo 1979:
“Quanto abbiamo appena detto deve essere applicato anche - sebbene in un altro modo e con le dovute differenze - all'attività di avvicinamento ai rappresentanti delle religioni non cristiane, attività che si esprime attraverso il dialogo, i contatti, la preghiera in comune, l'indagine sui tesori della spiritualità umana, in cui, come sappiamo bene, anche i membri di queste religioni non mancano.  Non capita a volte che la ferma convinzione sui seguaci delle religioni non cristiane - convinzione che è anche un effetto dello Spirito di verità che opera al di fuori dei confini visibili del Corpo Mistico - possa far vergognare i cristiani di essere spesso loro stessi...”

Questo è un insegnamento falso e un'approvazione ufficiale del peccato mortale. La Chiesa, attraverso i veri papi, proibisce la preghiera in comune con i rappresentanti delle religioni non cristiane.

Papa Pio XI, Mortalium animos (#2), 6 gennaio 1928, condanna gli incontri interreligiosi:
"Perciò sono soliti indire congressi, riunioni, conferenze, con largo intervento di pubblico, ai quali sono invitati promiscuamente tutti a discutere: infedeli di ogni gradazione, cristiani... Non possono certo ottenere l’approvazione dei cattolici tali tentativi fondati sulla falsa teoria che suppone buone e lodevoli tutte le religioni... Orbene, i seguaci di siffatta teoria, non soltanto sono nell’inganno e nell’errore, ma ripudiano la vera religione depravandone il concetto...  donde chiaramente consegue che quanti aderiscono ai fautori di tali teorie e tentativi si allontanano del tutto dalla religione rivelata da Dio."

L'insegnamento ufficiale di Giovanni Paolo II secondo cui si dovrebbe pregare in comune con coloro che rappresentano religioni non cristiane è un'ulteriore prova che non ha professato la vera fede e, pertanto, non può essere considerato un membro della Chiesa cattolica o un Papa valido.

Papa Pio XII, Mystici Corporis Christi (#22), 29 giugno 1943:
"In realtà, tra i membri della Chiesa bisogna annoverare esclusivamente quelli che ricevettero il lavacro della rigenerazione, e professando la vera fede, non si separarono da se stessi, disgraziatamente, dalla compagine di questo corpo ".

L'eresia e la blasfemia che Giovanni Paolo II ha espresso contro lo Spirito Santo nei confronti delle religioni non cristiane è stata esemplificata durante tutto il suo antipapato dai suoi ripetuti atti di peccato mortale... l'abominio ad Assisi... le sue numerose eresie ed espressioni di indifferentismo religioso... le sue ripetute lodi alle false religioni... ecc. 

Ci sono molte persone là fuori che pensano di essere cattolici informati, tradizionali o conservatori, eppure considerano l'apostata non cattolico Giovanni Paolo II come un santo.  Sono totalmente ingannate.  Considerandolo un santo - anche solo con una conoscenza di base del suo indifferentismo religioso o delle azioni ad esso collegate - sono coinvolti in un peccato mortale e in un rifiuto della fede cattolica.

Questo è un aspetto chiave dell'inganno apocalittico e della profezia sulla bestia della fine, e l'onore dato all'immagine del re romano pagano che viene ferito - cioè l'Anticristo.

Apocalisse 13:3 - "Una delle sue teste [cioè uno dei sette re di Roma associati alla meretrice di Babilonia - vedere Apoc. 17] sembrava avere una ferita mortale, ma la sua ferita mortale fu guarita, e tutta la terra si meravigliò mentre seguiva la bestia".

Apocalisse 13:14 - "... inganna il mio popolo che abita sulla terra, dicendo a quelli che abitano sulla terra di fare un'immagine per la bestia che è stata ferita dalla spada eppure è vissuta".

In effetti, considerando chi era, ha senso che Antipapa Giovanni Paolo II abbia scelto di bestemmiare lo Spirito Santo nella sua prima enciclica. Nella stessa enciclica ha anche definito il cristianesimo e il Vangelo come lo stupore per l'uomo!  Questa è, ovviamente, una bestemmia anticristica.

È anche molto interessante che Giovanni Paolo II usi il termine Spirito di Verità in questo contesto per riferirsi allo Spirito Santo.  

Crediamo che questa sia stata una deliberata intensificazione della bestemmia da parte sua. Il termine Spirito di Verità deriva da Giovanni 16, dove il vero Cristo si riferisce allo Spirito Santo come spirito di verità che guiderà gli Apostoli e la Sua Chiesa in tutta la verità.  Quindi si riferisce allo Spirito che guida le persone al cristianesimo. 

Giovanni 16:13 - "Quando lo Spirito della verità verrà, vi guiderà a tutta la verità".

Tuttavia, l'Anticristo - l'immagine della bestia della fine dei tempi - Giovanni Paolo II nella sua primissima enciclica, si è assicurato di insegnare che lo spirito di verità guida le persone a credere nel non-cristianesimo - le false religioni del diavolo. 

 Questo è anche il motivo per cui Giovanni Paolo II, nella sua prima omelia, ha dichiarato che l'affermazione di Matteo 16:16 - dove San Pietro dice di Gesù:  Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente - si applica alla verità sull'UOMO.

Giovanni Paolo II, Omelia per l'inaugurazione, 22 ottobre 1978:
“Voi tutti che già avete la inestimabile ventura di credere, voi tutti che ancora cercate Dio, e pure voi tormentati dal dubbio: vogliate accogliere ancora una volta – oggi e in questo sacro luogo – le parole pronunciate da Simon Pietro. In quelle parole è la fede della Chiesa. In quelle stesse parole è la nuova verità, anzi, l’ultima e definitiva verità sull’uomo: il figlio del Dio vivente. ‘Tu sei il Cristo, Figlio del Dio vivente!’”

Questa è l'eresia e la blasfemia dell'Anticristo!

Alcuni dei falsi tradizionalisti o falsi conservatori ingannati che considerano Antipapa Giovanni Paolo II un santo sono: Michael Voris e Church Miltant; i cosiddetti sacerdoti della Fraternità di San Pietro; le persone di EWTN; "Catholic Answers"; Mark Goring; Michael Matt; Taylor Marshall; Il Centro San Benedetto; LifeSiteNews; e molti altri.

Nonostante affermino alcune cose vere, tutte queste persone sono, purtroppo, falsi insegnanti sulla strada dell'inferno.  Sono nell'oscurità.  Sono coinvolti nel peccato mortale e nel rifiuto del Primo Comandamento per aver venerato un eretico e apostata notoriamente malvagio, che ha abbracciato l'idolatria... ha bestemmiato lo Spirito Santo... ha insegnato l'indifferentismo religioso e il falso ecumenismo... ha insegnato la salvezza universale... ha insegnato che l'uomo è Dio... e molto altro ancora. È tutto documentato nel nostro materiale.

Se sentite qualcuno che pensa che Giovanni Paolo II sia un santo o un buono, sappiate che quella persona è nell'oscurità. Ma dal momento che Francesco ha solennemente canonizzato Giovanni Paolo II, l'unico modo per rifiutare coerentemente Giovanni Paolo II per l'uomo malvagio che era - cosa che si deve fare - è anche rifiutare Francesco come antipapa non cattolico, cosa che è sicuramente.

Ecco perché è necessario abbracciare la posizione sedevacantista, la vera posizione cattolica in questo momento della Grande Apostasia.

San Roberto Bellarmino, De Romano Pontifice, II, 30: "Un Papa che è un eretico manifesto cessa automaticamente (di per sé) di essere Papa e capo, così come cessa automaticamente di essere cristiano e membro della Chiesa.  Pertanto, può essere giudicato e punito dalla Chiesa.  Questo è l'insegnamento di tutti gli antichi Padri che insegnano che gli eretici manifesti perdono immediatamente ogni giurisdizione". 

San Roberto Bellarmino:  "Questo principio è certissimo.  Il non cristiano non può in alcun modo essere Papa, come ammette lo stesso Cajetan (ib.c.26).  Il motivo è che non può essere capo di ciò di cui non è membro; ora, chi non è cristiano non è membro della Chiesa, e un eretico manifesto non è cristiano, come insegnano chiaramente San Cipriano (lib.4, epist.2), Sant'Atanasio (Scr.2 cont. Arian.), Sant'Agostino (lib.De great.Christ. Cap. 20), San Girolamo (contra Lucifero) e altri; quindi l'eretico manifesto non può essere Papa".

San Francesco di Sales (XVII secolo, Dottore della Chiesa):  "Ora, quando lui [il Papa] è esplicitamente eretico, decade ipso facto dalla sua dignità e dalla Chiesa...".

Sant'Antonino (1459):  "Nel caso in cui il Papa diventasse eretico, si troverebbe, per questo solo fatto e senza alcuna altra sentenza, separato dalla Chiesa.  Una testa separata da un corpo non può, finché rimane separata, essere capo dello stesso corpo da cui è stata tagliata.  Un Papa che fosse separato dalla Chiesa per eresia, quindi, cesserebbe di essere capo della Chiesa per quel fatto stesso.  Non potrebbe essere eretico e rimanere Papa perché, essendo fuori dalla Chiesa, non può possedere le chiavi della Chiesa".

Papa Paolo IV, Cum ex Apostolatus Officio, 15 febbraio 1559:
"... per evitare che ci capiti di vedere l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, nel luogo santo... Noi stabiliamo, determiniamo, decretiamo e definiamo che se mai, in qualsiasi momento, dovesse risultare che un Vescovo...prima della sua promozione o elevazione a Cardinale o Romano Pontefice, abbia deviato dalla Fede Cattolica o sia caduto in qualche eresia... la promozione o l'elevazione, anche se non contestata e con l'assenso unanime di tutti i Cardinali, sarà nulla, vuota e senza valore...".

Questo è anche il motivo per cui il materiale che abbiamo prodotto circa 15 o 20 anni fa, basato su ricerche approfondite, che espone in dettaglio le eresie di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e degli altri antipapi del Vaticano 2, è fondamentale.  Le persone che non hanno familiarità con questi fatti e presentazioni, in molti casi sono semplicemente ignoranti di ciò che devono sapere per avere una comprensione fondamentale e corretta della situazione attuale.

Questa situazione è che Roma ha perso la fede ed è diventata la sede dell'Anticristo, in accordo con la profezia e che la setta del Vaticano 2 non è la Chiesa cattolica, ma la contro-chiesa profetizzata della fine dei tempi, la Meretrice di Babilonia.

Nostra Signora de La Salette, 19 settembre 1846:
"Roma perderà la fede e diventerà la sede dell'Anticristo".

Apocalisse 17:4-5 - "La donna era vestita di porpora e di scarlatto, ornata d'oro, di gioielli e di perle, e teneva in mano una coppa d'oro piena di abominazioni e delle impurità della sua fornicazione.  E sulla sua fronte c'era scritto un nome misterioso: 'Babilonia la grande, la madre delle prostituzioni e delle abominazioni della terra'".

La bestia romana pagana è tornata e ha preso possesso delle strutture fisiche della Chiesa cattolica. In adempimento diretto della profezia apocalittica sul ritorno della bestia che fu.

Apocalisse 18:2 - "Ed egli [l'angelo] gridò con voce forte, dicendo: 'Caduta, caduta è Babilonia la grande!  Ed è diventata la dimora dei demoni, la prigione di ogni spirito immondo, la prigione di ogni uccello immondo e la prigione di ogni bestia immonda e odiata.

La bestia = Roma pagana

Apocalisse 17:8 - "E gli abitanti della terra, i cui nomi non sono stati scritti nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo, si meraviglieranno nel vedere la bestia, perché essa era, non è e sta per venire".

Questo è anche il motivo per cui molti falsi conservatori e falsi tradizionalistri sono scioccati e in uno stato di meraviglia e stupore per ciò che sta accadendo a Roma.  Questo è profetizzato nell'Apocalisse. Si meraviglieranno perché vedranno la bestia - cioè Roma pagana - che si oppose alla Chiesa antica... e poi fu sostituita dall'Europa cristiana... e ritorna nei tempi della fine.     

La Chiesa cattolica, l'unica vera Chiesa di Cristo necessaria per la salvezza, esiste ancora - in un residuo di veri cattolici tradizionali.

SHOW MORE



11:17
Viganò chiama Francesco come “Papa non-Cattolico” (Analisi)
2 anni fa
26:24
Caduta, caduta è Babilonia!!
2 anni fa
05:18
Perché l’Inferno deve essere eterno
10 anni fa
8:42
Perché così tanti non possono credere
3 anni fa
24:53
La nuova religione del Vaticano II (prova visiva)
2 anni fa
35:09
Un uomo viene colpito con arma da fuoco e vede l’Inferno – Video sconvolgente che deve essere visto
4 settimane fa
11:06
L’agonia di Gesù Cristo nel giardino del Getsemani
3 anni fa
45:12
Il miglior argomento contro il “battesimo di desiderio”
6 mesi fa
25:19
La Bibbia ha previsto 70 anni senza Papa?
11 mesi fa
32:55
Faustina e la Divina Misericordia – un inganno
10 mesi fa
3:50
Francesco risponde ai “cardinali” approvando le “benedizioni” alle coppie omosessuali
7 mesi fa
47:12
L’Anticristo rivelato: la bestia che era stata e non era è tornata
6 anni fa
2:36
Francesco prega nella moschea africana: apostasia
2 anni fa
3:13
Francesco contraddice Dio e San Pio V sulle leggi sull’omosessualità
1 anno fa
21:58
Per i defunti non cattolici non vanno indette Messe in latino o preghiere – Insegnamento papale
5 mesi fa