Come evitare il peccato (vincere se stessi)
Maggio 20, 2022
Copy Link
https://endtimes.video/it/come-evitare-il-peccato/
Copy Embed
vaticanocattolico.com - Canale in italiano

Uno dei motivi per cui così tante persone non ricevono la grazia di evitare lo stato di peccato o di progredire nella vita e nell'amore di Dio è che non abbracciano e non agiscono su un aspetto chiave del Vangelo: cioè il comando di Gesù di negare se stessi. Questo comando è così importante che è menzionato nei Vangeli di Matteo, Marco e Luca. Luca 9:23 afferma:

Luca 9:23 - “Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.”

Rinnegare se stessi è particolarmente importante quando le persone si convertono prima di tutto a Cristo e iniziano a vivere la vita della grazia. Per seguire lo stretto sentiero della salvezza, le persone devono staccarsi dal mondo. Devono rifiutare i loro comportamenti e le loro inclinazioni passate. Come afferma papa Leone XIII:

Papa Leone XIII,  Humanum Genus (n. 20), April 20, 1884
“…per essere l'umana natura infetta dalla colpa di origine, e perciò più proclive al vizio che alla virtù, non è possibile vivere onestamente senza mortificare le passioni, e sottomettere alla ragione gli appetiti.”

Per molte persone questo richiede un'azione drammatica, soprattutto nel tagliare le precedenti occasioni di peccato. Questa necessaria abnegazione è descritta in questa maniera in Giovanni 12:25:

Giovanni 12:25 - “Chi ama la sua vita la perde, e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna.”

Ciò significa subordinare radicalmente tutte le cose in questa vita ai comandamenti di Dio e alla ricerca della vita eterna. Implica evitare occasioni, attività e compagni che portano al peccato. Significa superare la tendenza alla pigrizia spirituale o gli schemi degli uomini in generale, che si oppongono agli schemi di Dio.

Sant’Alfonso Liguori: “L'atmosfera del mondo è nociva e pestilenziale. Chi la respira prende facilmente l'infezione spirituale. Il rispetto umano, i cattivi esempi e le conversazioni malvagie sono potenti incitamenti agli attaccamenti terreni e all'allontanamento dell'anima da Dio. Tutti sanno che la dannazione di innumerevoli anime è da attribuire alle occasioni di peccato così comuni nel mondo.”

Giacomo 4:4:  “… l’amicizia del mondo è nemica di Dio…” – Giacomo 4:4

San Basilio, Lettera 159, IV secolo: “Perché se per me vivere è Cristo, [Fil. 1:21] veramente le mie parole dovrebbero riguardare Cristo, ogni mio pensiero e ogni mia azione dovrebbe dipendere dai suoi comandamenti e la mia anima deve essere modellata secondo la Sua.”

Sui social media ci sono molte persone che affermano di essere cattolici/cristiani praticanti, ma promuovono l'immodestia, la follia o forme peccaminose di musica e di  intrattenimento. La loro attività pubblica rivela che non hanno superato se stessi o il mondo in misura sufficiente. Escludono la grazia o peccano apertamente con la loro attività.

San Basilio, Lettera 210, IV secolo: “… né un'anima preoccupata dalle preoccupazioni di questa vita, e oscurata dalle passioni della concupiscenza della carne, può ricevere i raggi dello Spirito Santo.”

Innumerevoli persone che non hanno superato se stesse in misura sufficiente hanno di conseguenza una soglia di attenzione estremamente breve, specialmente per le cose che sono spirituali o di valore. Ma prestano molta attenzione a ciò che non ha valore o è una perdita di tempo. Spesso non sono in grado di concentrarsi, di tacere per un periodo di tempo significativo o di prestare la loro attenzione a ciò che dovrebbero senza essere dirottati rapidamente su qualcos'altro.

Inoltre mancano dell'umiltà e del timore del Signore necessari.

Proverbi 9:10 -  “Il timore del Signore è l'inizio della saggezza …”

Papa San Gregorio Magno: “Chi vuole raccogliere virtù senza umiltà, porta polvere contro il vento …”

San Benedetto: “Il primo grado di umiltà, quindi, è che l'uomo ha sempre davanti agli occhi il timore di Dio, rifuggendo ogni dimenticanza e che egli è sempre memore di tutto ciò che Dio ha comandato, avendo sempre nella mente come coloro che disprezzano Dio bruceranno all'inferno per i loro peccati, e che la vita eterna è preparata per coloro che temono Dio.”

San Basilio, Lettera 146, IV secolo: “In ogni atto e in ogni parola tieni davanti ai tuoi occhi il giudizio di Cristo, affinché ogni singola azione, riferita a quell'esatto e terribile esame, possa recarti gloria nel giorno della retribuzione…

Pochi sono veramente umili e disposti a imparare di buona volontà dalle persone o dalle fonti che Dio ha messo sul loro cammino.

San Basilio, De Spiritu Sancto, IV secolo: “Non mancano in questi giorni ascoltatori capziosi e interrogatori; ma trovare una persona desiderosa di informazioni e che cerchi la verità come rimedio all'ignoranza è molto difficile.” 

L'umiltà è fondamentale per la vita spirituale. È indissolubilmente connessa alla resistenza al diavolo, alla sottomissione a Dio e al ricevere la grazia. Quindi leggiamo quanto segue in Giacomo 4.

Giacomo 4:6-7 - “‘Dio si oppone ai superbi, ma dà grazia agli umili’. Sottomettetevi dunque a Dio. Resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi.”

In Luca 14:33 ci viene detto che chi non rinuncia a tutto ciò che ha non può essere discepolo di Gesù. Nello stesso capitolo leggiamo:

Luca 14:26-27 - “Se qualcuno viene da me e non odia suo padre e sua madre e sua moglie e figli e fratelli e sorelle, sì, e anche la sua stessa vita, non può essere mio discepolo. Chi non porta la propria croce e non viene dietro a me non può essere mio discepolo.”

Ciò significa che l'amore per la famiglia deve essere secondario rispetto all'amore e al dovere verso Dio. Quando le persone sviluppano buone abitudini e vivono una vita di grazia, rinunciare alle cose è essenziale. Questo può includere rinunciare a cose anche neutre o accettabili, a volte. Questa si chiama mortificazione.

Sant’Alfonso Liguori: “S. Francesco Borgia dice che la preghiera introduce l'amore di Dio nell'anima, ma la mortificazione gli prepara un posto, bandendo dal cuore gli affetti terreni, gli ostacoli più potenti alla carità... ‘La preghiera senza mortificazione’, dice padre Balthasar Alvarez, ‘è o un'illusione, o dura poco.'”

La preghiera è essenziale per la salvezza e la vita spirituale.

Sant'Alfonso: “Tutti i reprobi sono stati dannati per aver trascurato la preghiera; se avessero pregato non si sarebbero persi; e tutti i santi sono diventati santi mediante la preghiera; se avessero trascurato la preghiera, non sarebbero diventati santi. Dobbiamo vivere nella persuasione, dice san Giovanni Crisostomo, che trascurare la preghiera e perdere la grazia di Dio sono la stessa cosa.”

Papa Leone XIII, Fidentem piumque animum (n.2), 20 Set. 1896:
“Nulla, infatti, ci è più raccomandato dai precetti e dagli esempi di Cristo Signore e degli Apostoli, quanto l’obbligo di invocare Dio e di supplicare il suo aiuto. I Padri poi e i Dottori della Chiesa insegnano che questo dovere è di tale importanza che invano confiderebbero di conseguire l’eterna salvezza coloro che lo trascurassero. … Chiedete, cercate, bussate” (Mt 7,7),

Giacinta di Fatima affermò: “’Francisco! Francisco, hai intenzione di pregare con me? È necessario pregare molto per salvare le anime dall'Inferno. Tanti ci stanno andando! Tanti!’ E ripetevano la preghiera insieme, per coloro che non dicevano preghiere.’”

Raccomandiamo ai cattolici, se possono, di pregare ogni giorno le 15 decadi del Rosario e l'Ave Maria frequentemente.

San Luigi De Montfort, Il Segreto del Rosario: L'Ave Maria è una rugiada benedetta che cade dal cielo sulle anime dei predestinati. Dà loro una meravigliosa fertilità spirituale affinché possano crescere in tutte le virtù. Più il giardino dell'anima è irrigato da questa preghiera, più l'intelletto diventa illuminato, più zelante è il suo cuore e più forte è la sua armatura contro i suoi nemici spirituali.”

Ci sono ovviamente molte eccellenti preghiere e devozioni, ed è consigliato avere una devozione a certi santi. Si raccomanda anche la preghiera “Gesù e Maria, vi amo, salvate anime”, o semplicemente “Gesù, vi amo, salvate anime”.

Per essere salvati è necessario un sufficiente distacco dagli altri e la solitudine. 

Sant’Alfonso Liguori: “Chi ama Dio, ama la solitudine. Là il Signore si comunica alle anime in modo più familiare, perché là le trova meno invischiate nelle faccende mondane, e più distaccate dagli affetti terreni. Sant'Eucario racconta che un uomo, desideroso di farsi santo, chiese a un servo di Dio dove trovare l’Altissimo. Il servo lo condusse in un luogo solitario e disse ‘Ecco dove si trova Dio.’”

Sant'Alfonso: “I mondani evitano la solitudine, e a ragione; poiché nella solitudine provano più acuti i rimorsi della coscienza, e quindi vanno alla ricerca delle conversazioni e dei tumulti del mondo, affinché il rumore di queste occupazioni possa soffocare le punture del rimorso.

Cercare l'approvazione degli altri o la gloria degli uomini è una delle ragioni principali per cui innumerevoli persone non ricevono la grazia della fede o cadono nell'eresia, come insegna Gesù in Giovanni 5.

Giovanni 5:44 - “Come potete credere, quando ricevete gloria gli uni dagli altri e non vedete la gloria che viene dall'unico Dio?”

San Francesco Borgia (XVI secolo):
“Chi vuole consacrarsi a Dio deve, in primo luogo, calpestare sotto i suoi piedi ogni riguardo per ciò che gli altri diranno di lui.” 

Su questa materia, si veda il video del presente Monastero: Perché così tanti non possono credere. 

Anche la purezza delle intenzioni nelle proprie azioni è cruciale.

Sant'Alfonso: “Nella stima degli uomini, il valore di un atto aumenta in proporzione al tempo impiegato nel suo compimento; ma davanti a Dio il valore di un atto aumenta in proporzione alla purezza dell'intenzione con cui viene compiuto. Perché, come dice la Scrittura, gli uomini guardano solo agli atti esterni, mentre Dio guarda al cuore…”

Poiché gli uomini generalmente si oppongono alle vie e alle verità di Dio, tutti coloro che desiderano vivere una vita pia in Cristo Gesù saranno perseguitati (2 Timoteo 3:12).

2 Timoteo 3:12 - “Infatti, tutti coloro che desiderano vivere una vita pia in Cristo Gesù saranno perseguitati…”

Giovanni 15:18-19 - Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di odiare voi. Se voi foste del mondo, il mondo vi amerebbe come suoi; ma siccome voi non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, perciò il mondo vi odia.”

Sant'Anselmo: “Se vuoi essere certo di essere nel numero degli eletti, sforzati di essere uno dei pochi, non dei molti. E se vuoi essere abbastanza sicuro della tua salvezza, sforzati di essere tra i pochi dei pochi... Non seguire la grande maggioranza degli uomini, ma segui coloro che entrano per la via angusta, che rinunciano al mondo, che si danno alla preghiera … affinché ottengano la beatitudine eterna”.

Le persone che sono impantanate nel peccato – specialmente peccati sessuali, che sono così diffusi ai nostri giorni e dannano così tanti milioni di persone– devono riconoscere che gli esseri umani acquisiscono la conoscenza attraverso i cinque sensi. Pertanto, se metti qualcosa fuori dalla tua vista, dal tuo udito, ecc., generalmente cadrà fuori dalla tua mente e dai tuoi pensieri. Per questo Gesù disse:

Matteo 6:22 - “La lampada del corpo è l'occhio; se dunque il tuo occhio è sano, tutto il tuo corpo sarà luminoso.”

La connessione tra ciò che si vede e ciò a cui si pensa è il motivo per cui gli sforzi di censura di Big Tech hanno così tanto successo. Quando determinati gruppi e individui non compaiono più sulle piattaforme tradizionali, le persone tendono a dimenticare quei gruppi e individui e il loro messaggio. Ecco perché il Signore Gesù Cristo, nel dare alle persone la chiave per evitare il peccato, ha sottolineato il taglio radicale delle occasioni di peccato. 

Matteo 5:29-30 - “Se il tuo occhio destro ti fa peccare, strappalo e gettalo via. Perché è meglio che tu perda una delle tue membra piuttosto che tutto il tuo corpo sia gettato nella Geenna. E se la tua mano destra ti fa peccare, tagliala e gettala via. Perché è meglio che tu perda una delle tue membra piuttosto che tutto il tuo corpo vada all'inferno” 

Le persone di una certa età dovrebbero essere in grado di utilizzare i moderni dispositivi elettronici e Internet senza cadere nel peccato mortale, ma coloro che purtroppo non sono in grado di farlo, devono intraprendere un'azione drammatica e tagliare radicalmente l'occasione. Se quelle persone eliminassero completamente l'occasione, eviterebbero i peccati che stavano commettendo. Quindi, se il tuo computer o telefono o TV o connessione a Internet (o qualsiasi altra cosa) è l'occasione per te di cadere in un grave peccato, sbarazzati di esso.

Ci sono anche grazie speciali per coloro che superano il mondo e conservano lo stato di grazia quando sono giovani, quando le tentazioni del mondo, della carne e del Diavolo possono spesso essere più feroci.

Quindi, 1 Giovanni 2:14 dice:

“Vi scrivo, giovani, perché siete forti e la parola di Dio dimora in voi e avete vinto il maligno.”

Le persone che si lasciano alle spalle una vita di peccato potrebbero inizialmente trovare difficile cambiare la propria vita. Ma la grazia di Dio è disponibile e le persone devono fare i passi necessari. Ma devono farli ora.

Sant'Alfonso: “Se in questa occasione trascuri la chiamata di Dio, forse egli ti abbandonerà per sempre. Risolvi, allora, risolvi! “Il diavolo”, dice santa Teresa, “ha paura delle anime risolute”. San Bernardo insegna che molte anime si perdono per mancanza di forza d'animo”.

Ecclesiastico 5:8-9 - Non tardare a convertirti al Signore e non rimandarlo di giorno in giorno. Poiché la sua ira verrà all'improvviso, e nel tempo della vendetta ti distruggerà.”

Se una persona inizia a vivere correttamente, ed è coerente nel farlo, troverà una felicità prima impensata e scoprirà che vivere la vita della grazia è facile, non gravoso.

Come disse Gesù:

Matteo 11:30 - “Poiché il mio giogo è dolce e il mio carico leggero”.

San Benedetto, La santa regola: “Non lasciarti spaventare subito dalla paura così da scappare dalla strada che porta alla salvezza. È destinata ad essere stretta all'inizio. Ma mentre progrediamo in questo modo di vivere e nella fede, noi corriamo sulla via dei comandamenti di Dio e il nostro cuore trabocca dell'inesprimibile gioia dell'amore.”

Papa San Leone Magno: “Perché non ci sono opere di potenza, carissimi, senza le prove delle tentazioni, non c'è fede senza prove, non c'è contesa senza nemico, non c'è vittoria senza conflitto. Questa nostra vita è in mezzo alle insidie, in mezzo alle battaglie; se non vogliamo essere ingannati, dobbiamo vigilare: se vogliamo vincere, dobbiamo combattere.”

Papa San Leone Magno, Sermone 39, V secolo: “… non possiamo altrimenti prevalere contro i nostri avversari, a meno che non prevaliamo contro noi stessi.”

SHOW MORE